eypetizer montature ultra leggere

Montature occhiali ultraleggere: hai provato gli Eyepetizer?

Gli occhiali Eyepetizer combinano il gusto per il design contemporaneo e l’uso di lenti dai mille colori, dando vita a montature per occhiali ultraleggere e originali. Scopriamo insieme come nasce questo brand e quali sono i modelli di punta delle loro collezioni.

Cosa possono inventarsi tre amici su una spiaggia di Ibiza? La risposta è: degli occhiali leggerissimi in acciaio o materiale plastico, prodotti in Italia, che nascono da una filosofia di vita vissuta con gioia e intensità.

Ma partiamo dall’inizio. Tre giovani, due italiani e uno spagnolo, trascorrono le loro vacanze estive in spiaggia e per caso trovano sotto la sabbia un paio di occhiali. Da lì parte la loro idea di fondare un nuovo brand che produca montature frizzanti e di qualità

E questa idea non poteva che nascere da creativi di professione: un designer, un grafico e un copywriter. Tre viaggiatori incalliti, ognuno con le proprie passioni, ma uniti dall’amore verso l’isola che li ha ispirati, tanto da decidere di dare i nomi delle più belle calette di Ibiza ad alcuni dei loro prodotti. 

I fondatori del brand trasferiscono così negli occhiali Eyepetizer il loro mondo e le loro emozioni, cercando nuovi percorsi e dando forma a occhiali leggeri che richiamano lo stile retrò accostandolo però a una visione moderna. Ogni montatura è essenziale e semplice, perché deve essere portata in tutte le occasioni e proprio per questo motivo la ricerca dell’ultraleggerezza è fondamentale, così come la qualità dei materiali

Eyepetizer significa anche gustare una vita a colori e proprio la varietà dei colori disponibili è la cifra stilistica che fa la differenza in questo brand.

  • Gli occhiali da sole Eyepetizer sono leggerissimi e vivacizzati da lenti antiriflesso delle più svariate tonalità: blu, viola, fucsia, giallo e molte altre ancora.
  • Gli occhiali da vista ultraleggeri, invece, hanno tocchi di colore brillante nelle montature in acciaio, donando un aspetto alternativo a chi li indossa. 

L’originalità e la creatività non risiedono solo nelle diverse collezioni, ma anche nella ricercatezza del packaging. Puoi trovare scatole a forma di libro con copertina rigida, che al suo interno contengono gli occhiali e l’astuccio, oppure montature confezionate in sacchettini simili a quelli del gelato come quelle degli Eyes Cream.

Non c’è limite alla fantasia! 

Occhiali Eyepetizer: ce n’è per tutti i gusti

“2001 Odissea nello spazio” è caratterizzata da occhiali con montatura sottile e lenti bicolore disponibili in diverse combinazioni di forme e colori, come il modello Eyepetizer Artur in rosa e blu, in ambra e marrone o in verde e oro.

Artur Eyepetizer

“Metropolis” è una collezione ispirata agli anni ’30 e al film omonimo, che propone occhiali dalle linee futuristiche ben rappresentate nel modello Thea con montatura a giorno e forma leggermente cat-eye.

Thea Eyepetizer

Per quanto riguarda gli occhiali Eyepetizer vista, la linea “Vista Suite 2” propone modelli come Ian, un occhiale da vista in acciaio leggerissimo e dalla forma ottagonale classica che si adatta a qualsiasi fisionomia. Un design essenziale, ben centrato, dal gusto spiccatamente retrò.

Ian Eyepetizer

Non hai ancora deciso qual è il tuo modello Eyepetizer preferito? Allora vieni nel nostro negozio di Verona e scopri tutte le collezioni disponibili!

ottica giro verona

Marco: Sono quello magro con i baffi. Sono appassionato di fotografia e di arte, da cui spesso mi capita di trarre ispirazione per la continua ricerca dei migliori prodotti sul mercato internazionale. Mi occupo anche del laboratorio dove trascorro buona parte del mio tempo per montare gli occhiali (no, nessuna pozione magica purtroppo!)

Simone: Sono quello che la barba. Sono un fan di Star Wars e appassionato di streetwear. Ho un chiodo fisso per la qualità dei prodotti che teniamo in negozio, dalle lenti alle montature e su quella non accetto compromessi. In negozio mi occupo dei clienti, dell’applicazione delle lenti a contatto, di contabilità e amministrazione (queste ultime due, giuro, mi piacciono!)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *